ONP Senso della Vita

Le ONP e il senso della vita

Ti sarai posto più volte le grandi domande: “Chi sono? Da dove vengo? Dove vado? Le risposte a queste domande sono la tua stessa vita, con i suoi alti e bassi, problematiche e gioie.

Per una onp funziona allo stesso modo: le domande sono le stesse, ma le risposte cambiano. Se le risposte non ci sono (imbarazzati e imbarazzanti silenzi), o sono insufficienti, ci troviamo di fronte ad apatiche e insignificanti onp, magari con nomi altisonanti, con loghi fregiati da patrocini di Enti nazionali, ma che ormai si sono fermate, hanno tolto la chiave dalla toppa e chiuso gli occhi, in attesa di non si sa bene cosa, desiderando forse un’alienazione, una cancellazione dalla storia, senza però muovere un dito.

Sono fermamente convinto che tutte queste onp coperte di polvere e ragnatele, se rimotivate e lustrate a specchio, possono essere ancora una presenza positiva e propositiva, offrendo il servizio per cui sono state pensate e volute. Per fare questo, le onp devono porsi in modo serio le tre grandi domande:

– Chi sono? Ossia: perché sono nata? Qual è la mia specificità come realtà non profit? Dove mi colloco? “Eh una volta eravamo tanti soci, ma ormai siamo rimasti pochi e anziani, non ce la facciamo…” No, siamo fuori strada. Io non ti ho chiesto lo stato di salute dell’associazione. Ti ho chiesto chi è, perché è nata, cosa ha fatto ai suoi albori. “Ah sì!… “ E inizieranno a raccontare tutte le opere meravigliose che hanno compiuto. Questo raccontare è come soffiare sulla cenere, e c’è speranza che qualche brace sia ancora accesa.

– Da dove vengo? Il racconto degli inizi farà riaffiorare volti, episodi, storie, casi risolti, progetti completati. La storia di una onp è fondamentale per capire chi essa sia, perché è nata, come e dove ha operato. Anche nel caso in cui una onp nasce tonda e muore quadrata (alle onp è data questa possibilità, a dispetto del proverbio), ossia negli anni si sviluppa in campi d’azione diversi da quelli dei suoi inizi, la sua storia è di fondamentale importanza, perché contiene il DNA, la forza propulsiva che la fa balzare in piedi ed uscire dal torpore.

– Dove vado? Ossia: come posso riattivarmi? Si deve sovrapporre il “da dove vengo” con l’oggi: quella mission ha ancora senso oggi, oppure è da ripensare e attualizzare?  Questa terza domanda è la scintilla che fa accendere il fuoco, progettando la comunicazione, ridando visibilità alla onp, e quindi inserendo nuove forze di volontariato all’interno della stessa.

Se abbiamo risposto a tutte e tre le domande in modo esaustivo, i nostri occhi saranno lucidi e il nostro cuore farà “tump tump” per l’emozione di essere davanti a una nuova vita della nostra amata onp. Se le cose stanno così rimbocchiamoci le maniche e iniziamo: c’è tanto tanto lavoro da fare!

Purtroppo esiste un’altra possibilità, quando la onp non sa chi è, non sa da dove viene né dove va; o se lo sa non le interessa. La onp in questione è viva solo in vecchie scartoffie, ma non vive, non opera, non propone niente, né a se stessa né al territorio. Se non rispondi (o non vuoi rispondere) alle tre domande, e non desideri un futuro per la tua onp, chiudila. Evidentemente non ha raggiunto il suo scopo, perché non ha avuto persone che credessero nelle sue potenzialità (una onp ha potenzialità immense, proprio come ogni persona), oppure ha completato il suo compito, in quel preciso periodo storico. Meglio chiudere, allora, piuttosto di essere una presenza negativa che sa solo rimpiangere “i bei tempi andati” senza scommettere un cent sull’oggi che la interpella.

Le tre domande sono solo l’inizio. E’ fondamentale però non essere soli, col rischio di dare risposte affrettate e quindi inadeguate. Soprattutto alla terza domanda c’è bisogno dell’esperienza e competenza di un consulente in comunicazione e fundraising che possa progettare un piano consono, in modo da riportare la onp agli antichi splendori e magari anche meglio! Sono più che convinto che questo processo di rinascita di una onp è sempre o quasi sempre possibile. C’è bisogno però di persone che ci credono, che investano le loro energie e che vivano con convinzione lo spirito della onp.

 

Luca Rubin
Phi Foundation

Facebook Share Donazione

Social Fundraising e Facebook: un’opportunità di dialogo

Il Social Network per eccellenza strizza l’occhio al Fundraising. Da qualche tempo a questa parte Facebook sembra essere particolarmente interessato ai temi sociali.

Il Social di Mark Zuckerberg ha infatti dato vita ad uno strumento per le realtà non-profit. La Piattaforma nasce per consentire ad apposite pagine Facebook di gestire singole campagne di raccolta fondi.

Il Fundraising diventa Social. Creare una pagina dedicata con contenuti multimediali per una specifica campagna di raccolta fondi d’ora in avanti sarà semplicissimo. Ma, a rendere lo strumento realmente interessante è un’altra funzione. Da adesso sarà infatti possibile raccogliere direttamente le donazione degli utenti grazie al tasto “Fai una donazione” e aumentare la visibilità grazie ai pulsanti condividi e invita.

facebook_dona-1

Ma come Funziona il Social Fundraising su Facebook?

Le potenzialità di questo strumento sono enormi. Il motivo è semplice, essere presenti su Facebook è un vantaggio innegabile. La viralità del mezzo consente di agevolare, e non poco, una campagna di raccolta fondi. Per il non profit si apre una possibilità in più per raccogliere donazioni.

Ma come funziona questo innovativo strumento? Quali sono i reali vantaggi offerti alle realtà non profit Scopriamolo assieme:

#1 Pagina Dedicata:

Avere una pagina dedicata  e confermata permetterà all’organizzazione non profit di poter strutturare una campagna di raccolta fondi mirata ad uno specifico progetto.

#2 Semplificare la donazione:

Ricevere gli aiuti direttamente dalla pagina Facebook. La call to action “Fai subito la tua donazione” è chiara e intuitiva.

#3 Trasparenza:

Tenere sempre aggiornati i donatori (e non) sullo stato di avanzamento di una campagna di raccolta fondi.

#4 Rete:

Facebook è il Social Network più utilizzato sul pianeta. Condividere e invitare amici su una compagna allarga la rete di connessione e può innescare una vera e propria viralità.

facebook_fundraising-1

Per ora il Social Fundraising su Facebook è in fase di test. In questa prima fase lo strumento è stato esteso solo alle Organizzazioni Non-Profit con sede negli Stati Uniti. Hanno aderito, al momento, ONP come Save The Children, Unicef e WWF.

Sei una organizzazione non profit e desideri supporto o vuoi avviare una campagna di raccolta fondi, chiedi a PHI FOUNDATION (Social Innovation Community).

Auguri per un felicissimo 2016!!!

 

Auguri per un sereno e felice 2016

da tutto lo staff  Phi Foundation!!!

 
 

Come comunicano le ONP

Per far fronte all’attuale crisi economica e al calo dei finanziamenti, il fundraising è sempre più determinante per il Non Profit. Non solo per le oltre 300mila organizzazioni italiane del settore (Onp), ma anche per musei, scuole pubbliche e private, amministrazioni locali ed enti socio-sanitari.             Lo scorso Natale, ad esempio, più di un italiano su tre (il 43% al Nord, il 39% al Centro e il 29% al Sud) ha effettuato una donazione. In questo scenario la figura del fundraiser assume un ruolo sempre più importante. Il fundraiser risulta essere sempre più rilevante e richiesto ed è necessario che abbia delle competenze specifiche, come sottolinea Paolo Venturi, direttore dell’Aiccon (Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit). Spiega: “In questa fase storica, il compito del fundraiser è quello di creare un’innovazione di rottura rispetto alla tradizionale visione della sua professione: è necessario alimentare un approccio più imprenditoriale, ossia capace di assumersi quote crescenti di rischio rispetto agli obiettivi delle Onp, e una conoscenza specifica dei nuovi strumenti di comunicazione online. Come comunica il Non profit in Italia? Secondo l’Istat, le onp che utilizzano almeno uno strumento di comunicazione interattivo come blog, forum, chat, social network e Internet sono 205.792, pari al 68,3% del totale. Quali sono i canali o gli strumenti più utilizzati? Al primo posto c’è Internet, in particolare il sito web (60,9%), che non è del tutto sostitutivo dei mezzi tradizionali. Seguono infatti comunicati e brochure informative per il 54,2%, mentre il 30,6% utilizza i social network per veicolare e condividere idee e creare community sul web, il 29,8% per fare pubblicità e il 15,2% per diffondere la newsletter periodica. Tra le organizzazioni che impiegano strumenti di comunicazione, il 43,3% sono onp che si occupano prevalentemente di cultura, sport e ricreazione. Una comunicazione più tradizionale caratterizza quelle attive nel settore della religione, che adottano prodotti editoriali “classici”, come giornali e riviste. Invece le istituzioni che si occupano di assistenza nelle emergenze e che si dedicano alla protezione degli animali sono quelle che impiegano maggiormente i social network. Infine ci sono le organizzazioni politiche o di sostegno all’attività dei partiti, in questo caso le piattaforme più utilizzate sono quelle tematiche come blog, forum e chat. La raccolta fondi. La comunicazione spesso è finalizzata alla raccolta fondi: le onp che hanno dichiarato di svolgere questa attività ammontano a 60.071 unità, pari al 20% di quelle censite dall’Istat. C’è una forte correlazione tra la scelta di effettuare raccolta fondi e il settore di attività prevalente. Quote molto superiori alla media nazionale di istituzioni che attivano forme di raccolta fondi sono  presenti nei settori della cooperazione e solidarietà internazionale (80,8%), della filantropia e  promozione del volontariato (36,5%), della sanità (35,2%), e  dell’assistenza sociale e protezione civile (33,9%). Il contatto diretto rimane la modalità più utilizzata per la raccolta fondi (61,1% delle istituzioni), seguito dall’organizzazione di eventi e manifestazioni pubbliche (55,5%). Nel caso di ricorso al contatto diretto per la raccolta fondi, le istituzioni non profit si rivolgono contemporaneamente ai diversi settori della società: nell’81,7% dei casi ai singoli cittadini, nel 48,4% alle imprese private, nel 34,4% a istituzioni pubbliche e nel 16,1% ad altre istituzioni non profit.

Dunque soprattutto nell’ambito del No Profit, gestire, coordinare e pianificare campagne di Fundraising è diventato non solo importante, ma addirittura fondamentale. Rivolgersi a piattaforme e a specialisti che possano garantire questo genere di operazioni con una ragionevole percentuale di successo, può rappresentare una alternativa al “door to door” o alle altre classiche soluzioni di finanziamento.

www.phifoundation.com

Articolo tratto da Reppublica.it scritto da Stefano Pasta

logo_PHI_Foundation

Perché Phi Foundation??

 

Negli ultimi anni, in Italia e nel Mondo, si è registrato un notevole incremento di attività solidali realizzate attraverso una moltitudine di eventi e organizzazioni senza scopo di lucro, palesando però un’insufficienza strutturale del terzo settore, nonostante gli enormi sforzi e la dedizione dimostrata dai volenterosi operatori coinvolti.

In realtà la nascita di organizzazioni no profit a carattere solidale (ONP) ha radici più antiche e va fatta risalire alla seconda metà del XX secolo, principalmente nei paesi economicamente più progrediti, che dimostravano anche una sensibilità particolare per le attività a carattere sociale.

Nel corso degli anni però, le ONP si sono diffuse un po’ in tutte le nazioni e nei paesi anche meno sviluppati.

Soltanto in Italia, ad oggi, esistono circa 350 mila ONP con oltre 6 milioni e mezzo di volontari.

E’ evidente che questo sia un mercato in forte crescita e in continuo fermento.

Purtroppo però, le difficoltà nelle quali devono operare le ONP sono quasi sempre legate ad un unico e generale problema: la mancanza di fondi.

Ma attribuire tutte le colpe e le responsabilità dei fallimenti o delle difficoltà in cui versano le ONP all’insufficienza dei fondi è troppo riduttivo.

La maggior parte di queste associazioni si muove in maniera autonoma e senza progettualità, non effettua nessuna ricerca di mercato nè prova a valutare il reale interesse del pubblico nello specifico progetto. Per non parlare poi degli aspetti relativi alla visibilità e alla comunicazione, troppo spesso affidati ad azioni sporadiche, poco professionali e a corrente alternata.

A tutto questo si aggiunge da un lato l’inefficiente coordinamento dei volontari, che sono la linfa vitale del terzo settore, e dall’altro lo scarso utilizzo di strumenti idonei alla raccolta fondi come le piattaforme di Fundraising o i donation party, rendendo cosi difficile e spesso sterile l’attività di quei pochi donatori che per legami personali, interessi fiscali o visibilità mediatica effettuano delle elargizioni.

Alla luce di quanto detto, emerge evidente la necessità di un operatore che coordini, regoli e aiuti questo processo di costruzione e di supporto verso chi ha bisogno e verso chi non può farcela da solo.

Phi Foundation vuole intervenire proprio con questo ruolo in questo processo, diventando il primo network solidale e il punto di riferimento per tutto il terzo settore.

L’obiettivo della Fondazione è promuovere lo sviluppo e la comunicazione delle ONP presenti sul territorio, coordinare l’enorme e crescente numero di volontari che operano nel terzo settore e infine aiutare e sostenere la raccolta fondi attraverso piattaforme di Crowdfunding.

Per raggiungere questo obiettivo ambizioso e particolarmente gravoso Phi Foundation chiede l’aiuto anche ai lettori, ai followers e a tutti coloro che vogliono impegnarsi in una causa sociale, mettendo a disposizione il loro tempo, il loro entusiasmo e il loro talento, nel raccontare, scrivere e testimoniare tutto quello che in Italia (ma non solo) riguarda il Terzo Settore.

 

Se sei interessato, consulta il sito www.phifoundation.com e compila il form nella sezione “cosa puoi fare tu”. Ti aspettiamo.

 

Phi Foundation: Social Fundraising Community

Fundraising online per l'eroe dell'Oregon

Raccolti 700.000 dollari in un solo giorno per l’eroe dell’Oregon College

Non capita tutti i giorni (per fortuna) di ritrovarsi a vivere la parte dell’eroe del giorno e di ricevere in cambio una somma esorbitante di quasi 700.000 dollari attraverso i canali di social fundraising.

Chris Mintz è l’eroe che giovedì scorso ha salvato le vite di un’intera classe dell’UMPQUA Community College in Oregon, impedendo che ci fossero ulteriori vittime prima dell’intervento risolutivo della polizia. Per impedire al carnefice di entrare nell’aula si è preso 7 pallottole in corpo ritrovandosi poi con entrambe le gambe spezzate.

Un veterano della guerra di Iraq, che forse neanche sotto lo scudo della tempesta nel deserto, si è mai trovato in una situazione simile.

Per questo la cugina, Derek Bourgeois, non ha avuto dubbi nel lanciare una campagna di crowdfunding, attraverso la piattaforma GoFundMe, per raccogliere i fondi necessari al recupero e alle terapie di riabilitazione del cugino: “un padre, un veterano, uno studente e adesso un eroe”.

In una sola giornata il fundraising ha sfiorato quota 700.000, arrivando a 680.000 dollari dopo appena 24 ore dal lancio dell’appello sulla piattaforma on line: una quota considerevole anche per il numero dei donatori coinvolti (circa 20.000).

È la dimostrazione che eventi significativi, purtroppo di natura tragica, stimolano sentimenti di solidarietà naturale e universale nel genere umano.

Il social fundraising è lo strumento più adatto per canalizzare questo sentimento e riportarlo verso l’aiuto concreto.

Le piattaforme online sono invece un amplificatore eccezionale, senza le quali il crowdfunding non potrebbe mai raggiungere cifre così alte e obiettivi così importanti.


Marco Angelucci
Phi Foundation

Le raccolte di fondi per il non profit aumentano nel mondo, ma calano in Italia

In tutto il mondo è il momento del crowdfunding e sono sempre di più le realtà non profit a beneficiarne: dappertutto, ma non proprio…

Secondo i dati riportati dall’Istituto Italiano della Donazione, il social fundraising per le nostre Onlus è in calo: nei primi sei mesi del 2015, la raccolta fondi è diminuita per il 33% delle organizzazioni non profit. Solo un piccola parte del campione (16%) invece vede rosa.

L’indagine semestrale sull’andamento delle raccolte fondi si basa su un campione di 200 organizzazioni non profit: un campione significativo, ma statisticamente quasi irrilevante (si calcola in fatti che le ONP italiane siano almeno più di 300.000).

Il dato è in controtendenza rispetto all’indagine dell’anno precedente che invece fotografava una realtà migliore: nel 2014 infatti il 35% delle ONP ha aumentato la propria raccolta fondi e migliorato il processo di fundraising.

Confrontando i dati di tre anni il dato che ne esce è ancora peggiore: dal 2012 al 2014 il 34% del campione ammette un calo nelle donazioni.

Ecco invece cosa succede nel mondo, dati alla mano, secondo queste infografiche:

Dati sulla raccolta fondi nel mondo (2) Dati sulla raccolta fondi nel mondo (1)

Se dovessimo fermarci ai dati dell’IID, il futuro del social fundraising in Italia sembrerebbe molto incerto: ci sono un paio di domande, però che sarebbe il caso di farsi…

Quali e quante informazioni è possibile reperire on line per impostare una strategia di crowdfunding?
Quante ONP Italiane utilizzano piattaforme on line nelle loro raccolte di fondi?

Una cosa forse ci accomuna con il resto del mondo: la scarsa dimestichezza nell’uso delle tecnologie di rete tra le organizzazioni non-profit che vorrebbero investire in campagne di social fundraising.

I punti deboli del fundraising nel mondo (2)I punti deboli del fundraising nel mondo (1)


Marco Angelucci
Phi Foundation