A.A.A.: CERCASI Personal Shopper per senzatetto in tempo di crisi

“Pantaloni, ho un disperato bisogno di pantaloni”. Queste le parole che mi hanno accolto quando ho varcato la soglia di una stanza piena di vestiti finemente piegati e di donne con un gran sorriso e una giubba rossa. Aiutano i senzatetto a trovare da vestire in vista dell’inverno, ormai quasi imminente, ma anche della primavera, dell’estate e dell’autunno che verranno.

Nessuna vetrina d’effetto né alcuna commessa sottopagata con tailleur quindi ma solo volontari che hanno deciso di impegnare il proprio tempo libero nel terzo settore e tanti uomini in fila, non turisti a caccia di sconti irrinunciabili ma italiani disperati, desiderosi di trovare in quel guardaroba di pochi capi quello più adatto non tanto all’occasione quanto il più idoneo a fargli riacquistare quell’autostima che la perdita del lavoro ogni giorno gli nega.

Leggi anche:  #FESTIVAL DI SANREMO: 67° EDIZIONE

Sono 2.263 i senzatetto presenti a Milano nel 2015 secondo Quotidiano.net, 2.359 per lo stesso anno i senzatetto in coda per i dormitori a Torino stando a quanto riportato da La Stampa e 2.700, secondo il Giornale.it, le richieste di aiuto che sono arrivate a Roma con un aumento pari a 650 di italiani rispetto al 2014.

Sempre più sguardi disperati adornano i marciapiedi delle vie più lussuose delle nostre città o gli ingressi delle stazioni ferroviarie eppure sono ancora tanti coloro ai quali le condizioni dei senzatetto passano inosservate. Ma non a Piera e a Marinella, non a Lilly e a Gabriella e neanche a Carlo e a Tina che insieme alle suore francescane Missionarie di Maria qualche ora dopo l’alba varcano il cancello di un antico convento di Città Studi a Milano per donare coperte, biancheria, giacche, pantaloni, scarpe agli “invisibili”, come li definiscono i City Angels..

Leggi anche:  Il non-profit fa cose buone e giuste ma il non-profit non sa comunicare

Attente servitrici del terzo settore da oltre 50 anni, queste suore insieme alla più grande risorsa che un’organizzazione no profit possa avere, ossia volontari e benefattori arricchiscono Milano con un’associazione ONLUS che è divenuta in breve tempo un punto di riferimento per il Municipio 3 della città meneghina e arricchendosi sempre più di nuovi servizi utili in vista della progressiva crescita della povertà in Italia e nel mondo.

Leggi anche:  Pinterest: una bacheca di interessi, sogni e ambizioni per migliorare la brand reputation della tua onp

La mensa, le docce, il guardaroba ma anche la scuola di italiano e il centro d’ascolto sono tutti servizi che vengono donati da Suor Carmela e Suor Silvana per completare quel servizio sociale che la fondatrice beata suor Maria della Passione fin dal lontano XIX secolo creò per tutelare i più deboli, persone che magari non hanno niente ma che, inspiegabilmente, ogni volta che li incontri, ti fanno andare via pieno di regali.

 

Federica Pizzi

PHI Foundation

Vota l'articolo

12345
Loading...
4 commenti
  1. Antonella
    Antonella dice:

    Molto spesso, presi dalla nostra vita, ci dimentichiamo di questa realtà o semplicemente la ignoriamo….eppure è sotto i nostri occhi.
    La potenza dei Social media spero aiuti a smuovere le coscienze.

    Rispondi
    • Francesco Fiore
      Francesco Fiore dice:

      Grazie per il tuo contributo e scusa per il ritardo nella risposta.
      Stiamo lavorando per migliorare il nostro sito anche da questo punto di vista.
      Continua a seguirci e grazie per il tuo supporto.

      PHI Foundation

      Rispondi
    • Francesco Fiore
      Francesco Fiore dice:

      Grazie per i complimenti, scusa per il ritardo nella risposta, ma stiamo per aggiornare il sito con una nuova versione e abbiamo un pò di ritardi e di difficoltà nel riuscire a rispondere in tempi brevi.
      Cercheremo di migliorare in futuro.
      Grazie per il tuo supporto.

      PHI Foundation

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *