Donald Trump e la cerimonia di insediamento

Barack Obama oggi lascerà la Casa Bianca subito dopo la cerimonia di insediamento in programma per oggi a partire dalle ore 18 (ora italiana).

Da questo momento Donald Trump diventerà ufficialmente presidente degli Stati Uniti.

Nel corso della prima conferenza stampa, Trump ha ribadito quanto portato avanti durante la campagna elettorale sull’ Obamacare: “… è un disastro, lo cambieremo” infatti in una intervista al New York Times del 10 gennaio, il nuovo presidente ha chiesto ai parlamentari Repubblicani di votare al più presto per abolire e sostituire la riforma con un piano che preveda “ un’assicurazione per tutti”, ma non solo, le case farmaceutiche dovranno concordare i prezzi da applicare ai servizi pubblici direttamente con il governo.

Leggi anche:  ARTICOLI DELLA SETTIMANA 22 GENNAIO

Inoltre, sempre nelle prossime settimane si tornerà a esaminare la costruzione del muro al confine con il Messico.

In attesa dei primi cambiamenti per iniziare a valutare l’operato del nuovo presidente, che inizieranno, ci possiamo scommettere, subito dopo la cerimonia di insediamento , c’è chi, per non dimenticare le frasi sessiste pronunciate da Trump in più occasioni, ha deciso di scriverle sul proprio corpo.

Leggi anche:  Migranti e Arte Migrante: quando umanità e arte si incontrano non si lasciano più

Parlo della giovane studentessa Aria Watson la quale ha realizzato un progetto fotografico con l’aiuto di amiche e familiari #SignedByTrump col quale ha voluto sottolineare quelle parole offensive, rivolte alle donne, da parte del nuovo presidente degli Stati Uniti. La diciottenne ha poi presentato il suo progetto all’esame di fine anno all’Università dell’Oregon.

Una delle foto che ha più colpito sui social è stata “Grab em’ by the pussy”

Il progetto fotografico, ha spiegato Aria Watson in un’intervista all’ Huffington Post, nasce dal desiderio di ricordare e raccontare il passato della donna e la sua lunga lotta contro atteggiamenti come questi.

Leggi anche:  UOVA DI PASQUA PER LE VITTIME DEL KURDISTAN

Dunque in attesa di vederlo giurare come previsto dalla Costituzione Americana, durante la cerimonia di insediamento, aspettiamo che Donald Trump faccia le prime mosse per modificare la rivoluzione sociale portata avanti da Barack Obama.

 

PHI Foundation è una Fondazione che si occupa di aiutare tutte le Associazioni operanti nel Terzo Settore, attraverso campagne di informazione e raccolta fondi.

Aiutaci ad aiutare con una piccola donazione, visita la nostra pagina qui.

 

Manuela Mussa

PHI Foundation

Vota l'articolo

12345
Loading...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *