Fundraising o crowdfunding per progetti penitenziari?

La raccolta fondi per progetti legati al carcere

Facendo una prima distinzione tra crowdfunding e fundraising dobbiamo specificare che, nonostante entrambi i termini portino alla raccolta fondi, vi sono alcune caratteristiche proprie del fundraising che lo rendono specifico rispetto al primo. Un fundraiser, infatti, non raccoglie esclusivamente soldi per una determinata causa, uno specifico progetto o una determinata idea. Egli lavora sul lungo periodo, mettendo in pratica una strategia comunicativa e di marketing che possa sensibilizzare il donatore, ma allo stesso tempo fidelizzarlo. In questo modo il donatore si sente parte di una famiglia, si avvicina progressivamente alla realtà che sostiene sino anche a voler sporcarsi le mani con attività di volontariato i prima persona.

Al contrario il crowdfunding agisce su una iniziativa specifica: si tratta, infatti, di una raccolta fondi per determinati progetti con un inizio e una fine, oppure per attività eccezionali che necessitano un finanziamento ad hoc. In questo ultimo periodo le piattaforme di crowdfunding si moltiplicano, in virtù del fatto che la raccolta fondi delle realtà non profit sta cambiando. Un esempio è il modello di Let’s Donation, piattaforma di charity cash back che sostiene Organizzazioni Non Profit dando la possibilità all’utente di donare, attraverso acquisti on line, senza alcun costo aggiuntivo per lo stesso consumatore. Il meccanismo è molto semplice: il donatore che desidera sostenere e supportare economicamente l’associazione che gli sta a cuore decide di effettuare acquisti da uno dei merchant partner della piattaforma; attraverso questo acquisto assicura alla sua associazione un valore percentuale, o un valore fisso a seconda del merchant, che il partner indirizzerà alla ONP.

Carcere e raccolta fondi

Una volta stabilita la differenza tra crowdfunding e fundrasing, è utile fare qualche approfondimento in merito a quelle organizzazioni del non profit che si occupano di carcere. Molto spesso, infatti, alla base di queste realtà vi è una concezione di puro assistenzialismo che pone gli operatori nell’ottica del volontariato fine a se stesso nei confronti dei detenuti. Nulla di più sbagliato, a mio avviso, è pesare che qualche parola di conforto a questi criminali possa essere loro di aiuto. Il mondo del terzo settore, specialmente in un ambito così complesso quale quello penitenziario, necessita di uno sviluppo di una strategia marketing adatta al target cui si rivolge. È la società civile la portatrice di interessi rispetto a progetti di recupero sociale di detenuti; ma non tutti ne comprendono il motivo. Ecco perché è fondamentale avere ben chiara la motivazione della raccolta fondi per progetti carcerari, che esula dall’aiuto fine a se stesso al detenuto.

Leggi anche:  Cosa fa PHI Foundation?

L’investimento del donatore, così come tutta la campagna di fundraising di realtà non profit, deve volgere all’idea che il reinserimento sociale del detenuto, così come il trattamento penitenziario, necessitano di professionalità e progettualità tali per cui la raccolta fondi è indispensabile. Non è utile barricarsi dietro la frase “buttate via la chiave” perché il carcere non può tenere per sempre i detenuti in cella.

Raccolta fondi e comunicazione in progetti legati al carcere

È assodato che raccogliere fondi non è attività semplice. Lo è ancora meno nel momento in cui i soldi devono essere impiegati in progetti di recupero sociale di detenuti. Non ci si improvvisa fundrasiser: si può avere una spiccata dote innata, ma è necessario approfondire i meccanismi, le tecniche e soprattutto avere ottime doti comunicative. È ciò che comunichi al donatore che attira l’attenzione: più sei bravo a comunicare, meglio raccogli. È la logica del marketing, non conta il contenuto del tuo messaggio, quanto la forma e le modalità in cui lo esponi. Un progetto di housing sociale per detenuti potrebbe riscontrare alcune difficoltà, soprattutto nel contesto territoriale, a raccogliere fondi. Un progetto di housing sociale per detenuti, in cui la comunità che li accoglierà venga coinvolta in prima persona interrogandola su bisogni e aspettative rispetto a questa progettualità, potrebbe avere risultati migliori. Ecco che il fundraising interviene per fidelizzare i donatori costruendo un rapporto diretto con loro; il crowdfunding può, invece, intervenire come strumento del primo per raccogliere fondi specifici per questa progettualità.

Leggi anche:  Piattaforme crowdfunding, quale scegliere? Social Lending

Jenny Rizzo

Phi Foundation

Vota l'articolo

12345
Loading...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *