Il “Seabin Project”

E’ vero si tratta di un’invenzione commerciale, non propriamente in tema con gli argomenti  trattati di solito da Phifoundation che riguardano il mondo del non-profit e del volontariato, ma l’elevato impatto che questa invenzione potrebbe avere sulla vita degli oceani è cosa che riguarda certamente tutti noi e che mertita una menzione, anche perchè è approdata di recente sulla piattaforma di crowdfundingIndiegogo“.

Si tratta del “SeaBin Project“,  letteralmente un cestino dei rifiuti per il mare che immerso in acqua, sulla sua superficie, grazie ad una pompa alimentata ad energia solare, filtra tutti i detriti galleggianti ripulendo automaticamente l’area in cui opera.

Photo Credit: Facebook/The Seabin Project (2015)

Photo Credit: Facebook/The Seabin Project (2015)

Abbiamo progettato e realizzato un cestino della spazzatura automatizzato che cattura spazzatura galleggiante (materie plastiche, olio, carburante e detergenti,etc)
E ‘stato progettato per lavorare in prossimità dei pontili galleggianti dei porti turistici, pontili privati, vie fluviali, laghi , porti, vie d’acqua, e yacht club.
Può anche essere montato su super yacht e yacht a motore!
In questo momento abbiamo un prototipo perfettamente funzionante e abbiamo bisogno dell’aiuto di Indiegogo e dei donatori  per passare dal prototipo ad una produzione industriale dei Seabins da costruire nel modo più sostenibile e responsabile possibile.seabin_project_scheme

Il Seabin installato presso un pontile galleggiante ad esempio, è composto del contenitore, appena affondato sotto la superficie dell’acqua, e da una pompa dislocata sul pontile che creando una depressione risucchia i detriti e filtra l’acqua dagli idrocarburi eventualmente contenuti, rigettando a mare acqua purificata.

Leggi anche:  Il Rap antibullismo di Sfera Ebbasta

All’interno della Seabin è contenuto un sacco in fibra naturale che raccoglie tutti i detriti galleggianti. Quando questo è pieno o quasi pieno un addetto cambia semplicemente il sacchetto di cattura con un altro. I detriti raccolti vengono poi smaltiti in modo responsabile separando il riciclabile.

La “Seabin Pty Ltd” è stata fondata dagli australiani Andrew Turton e Pete Ceglinski, col supporto di un investimento della società di sviluppo delle tecnologie marine “Shark Mitigation Systems”, già partner teconologico di Google inc.

Curiosa la storia personale di Pete Ceglinski, designer industriale australiano e appassionato surfista il quale ha cominciato la sua carriera di design industriale in prodotti in plastica stampati a iniezione, e che con la produzione del Seabin di fatto si trasforma da produttore di materie plastiche inquinanti in vero paladino dell’ambiente marino.


Andrea Somovigo
Phi Foundation

Vota l'articolo

12345
Loading...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento