Pitbull Palla

La storia della cagnolina Palla: La “clinica Due Mari” fonda una onlus

La cagnolina Palla arriva su Rai Due. Simbolo alla lotta contro gli abbandoni, Palla,  diventa musa ispiratrice per la clinica Due Mari che decide di creare una fondazione onlus. L’associazione si occuperà, nel nome di Palla, di curare e assistere tutti i randagi.

Palla, diventata famosissima sui social network, è stata più volte strumentalizzata, diventando oggetto di campagne di raccolta fondi con foto “rubate” e non autorizzate.

Leggi anche:  ARTICOLI DELLA SETTIMANA 26 MARZO

Ma raccontiamo la storia di Palla, per chi ancora non la conosce: La cagnolina arriva in fin di vita alla clinica Due Mari a fine gennaio 2016. Quasi decapitata da un laccio di nylon e con un muso gonfio oltremisura. Dopo lunghe e costanti cure, oggi la situazione è decisamente migliorata.

phi foundation

Palla al suo arrivo alla clinica

La storia di Palla ha emozionato il web al punto tale che oggi il pitbull è stato ospite della trasmissione di Rai Due “I fatti vostri”.

Leggi anche:  Quali piattaforme di Crowdfunding scegliere? Equity based

La storia di Palla in pochi mesi ha commosso e fatto emozionare mezzo mondo. La cucciola di pitbull salvata e curata dai medici veterinari della Clinica Due Mari ora sta molto meglio. In centinaia ogni giorno chiedono di Palla.

Molte le situazioni traumatiche che la dottoressa Monica Pais deve affrontare. Ogni giorno lo staff veterinario si prende cura dei “rottami” (come li definiscono in maniera scaramntica alla “Due Mari”, riferendosi a cani e gatti recuperati dalla strada).

Leggi anche:  Arriva l'app "HUG - Tap to Donate"

Da qui l’idea di creare una onlus che si occupi dei randagi e di tutte le loro problematiche.

Chiunque volesse maggiori informazioni o contatti diretti con la Onlus può consultare il sito.

Amare e rispettare gli animali è la più alta forma di sensibilità e umanità che si possa dimostrare.

 

Phi Foundation

 

Vota l'articolo

12345
Loading...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *