Pepe Mujica ai giovani: «La vita è il bene più grande, non sprecatela»

José Pepe Mujica, ex presidente dell’Uruguay, ha attraversato nell’ultimo mese l’Italia per presentare il suo nuovo libro “Una pecora nera al potere”.

Eletto nel 2010, Mujica si è distinto per aver portato avanti  temi come le droghe leggerel’aborto e i diritti degli omosessuali. Sposato con un’ex guerrigliera diventata poi senatrice, abita in una modesta casa di 45 metri quadrati in un quartiere popolare di Montevideo. Non gli interessa far parte di una élite di potere, ma preferisce coltivare la sua quotidianità come una persona comune. Per questo, mentre era in carica, devolveva il 90% dello stipendio in beneficenza.

Mujica ha scelto «di essere povero per essere ricco», perché «il povero non è chi possiede poco, ma chi necessita infinitamente tanto e desidera sempre di più».

Leggi anche:  Diamo un volto a chi spesso voltiamo le spalle: Associazione Progetto ARCA

Pepe Mujica è un uomo che vede le cose con grande equilibrio; ma la sua eccezionalità è anche l’esempio di come la semplicità possa convivere con il potere.  Durante la dittatura, ha passato più di tredici anni in prigione, di cui 4 in isolamento. Ex guerrigliero e prigioniero politico, sostiene che l’accumulazione di denaro è la grande malattia dell’uomo moderno: «La  società contemporanea è basata sull’idea che se non possiamo consumare soffriamo di povertà. Questo porta le persone in una situazione di perenne competizione, in cui gli individui lavorano costantemente per produrre un plus superfluo. Il modello di sviluppo attuale è quello delle nazioni ricche, improntato al consumo sfrenato. Stiamo puntando verso un progresso  materiale che aggredisce senza sosta il pianeta».

Leggi anche:  VIVA GLI ANZIANI: UN’ORA DI VOLONTARIATO PUÒ CAMBIARE DELLE VITE

Secondo Mujica è necessario lottare per una cultura rispettosa dell’uomo nella sua dimensione umana e sociale. Per questo, aggiunge, non possiamo permetterci di faci governare dal mercato, ma dobbiamo essere noi a governarlo. Come? Mettendo in discussione il modello di civilizzazione che abbiamo costruito e rivedendo il nostro modo di vivere. Perché «nasciamo per essere felici, e nessun bene vale come la vita. L’obiettivo non deve essere solo quello di lavorare, ma la vita stessa». Il problema della politica, spiega, è di aver abbandonato il campo della filosofia; per gestire la globalizzazione è necessario un pensiero globale. Serve inoltre la capacità di cambiare, adattarsi a nuove dinamiche e regole di gioco. In che modo? «Educando la testa e le mani».

Leggi anche:  Lampedusa: l'isola che non c'è

Il contributo più grande di Mujica rimane quello di guardare alla politica e al futuro come a un impegno collettivo, dove si possa far spazio a logiche più umane. Ricordando i tempi di quando era militante, rammenda: «La vita è come una marcia, una lunga camminata; se abbiamo troppi pesi fatichiamo ad andare avanti. Quindi spendete il necessario, e viaggiate con una valigia leggera».

 

Francesca Prandelli

PHI Foundation

Vota l'articolo

12345
Loading...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *