Articoli

Storia di Luna

Oggi abbiamo deciso di pubblicare una storia, uno storytelling piuttosto crudo e struggente.

Ovviamente per motivi di privacy il nome della protagonista è inventato, ma i fatti e le vicende narrate, quelle no.

L’obiettivo di questo articolo, che non cita associazioni, gruppi di volontari o azioni governative, vuole essere solo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica su un problema, quello della violenza domestica, che spesso è nascosto o non evidenziato a sufficienza.

“L’articolo che vi scrivo oggi parla di una donna ragazzina, donna perché ha raggiunto una certa età e ragazzina perché non ha avuto il tempo di crescere e che chiamerò con il nome di Luna.

Luna è oggi una donna e benché abbia avuto un passato molto tormentato, si potrebbe dire che abbia raggiunto un certo equilibrio di vita, anche se ancora certi traumi del passato la tormentano al punto da farla stare ancora male.

Sin da piccola, Luna, ha manifestato problemi psichici, senza ricevere nessuna cura adeguata dalla sua famiglia, anzi dai suoi familiari veniva insultata come “nullafacente” e rinchiusa nella sua cameretta insieme ad una sorella maggiore a cui era molto affezionata.

La sua situazione familiare era al quanto tesa dal momento che il padre la faceva anche da padrone, ha visto prendere a cinghiate la sorella, i fratelli, la madre, ha visto lanciare coltelli, piatti e bicchieri ma se le domandi: “tuo padre a te ti ha mai picchiato?” La risposta che ricevi da Luna è: “no, non lo so o non mi ricordo”.

Un duro colpo Luna lo ha subito la sera di un rigido inverno quando la sorella, a cui era molto attaccata, uscì di nascosto di notte dalla camera senza farvi più ritorno. Fu ritrovata il mattino successivo senza vita dentro un torrente non lontano dalla propria abitazione.

Rimasta sola senza il supporto della sorella, vivendo con altri fratelli oltre ai genitori, Luna, ha cominciato a buttarsi nell’alcool, trovando in esso una via di fuga sia dal ricordo della sorella defunta e sia a causa delle violenze di ogni genere che era costretta a vivere all’interno del suo nucleo familiare, violenze psichiche e violenze di altro genere.

L’abitazione paterna l’aveva denominata “la casa del diavolo” per il comportamento molto crudele che lei vedeva da parte del padre nei confronti della madre e dei fratelli.

Il passato di Luna oltre che da violenze psichiche è fatto di violenze e di abusi da parte di altri “ orchi ” nei suoi confronti, abusi che spesso si consumavano all’interno della stessa casa paterna mentre i genitori erano in una camera, lei veniva abusata in un’altra camera (i genitori erano consapevoli di ciò che succedeva?).

Oggi possiamo dire che grazie all’aiuto di una persona di cui non metto il nome e grazie soprattutto alla sua volontà, Luna in gran parte ha superato quei momenti di crisi che le venivano al ricordo delle violenze subite, è riuscita ad allontanarsi dall’alcool, dalla famiglia paterna e dagli ” orchi

Questa è una parte della storia di Luna, ma come lei vi sono molte altre ragazze che vivono lo stesso dramma, una doppia violenza, come donna e come disabile, e spesso la società non conosce o finge di non sapere, violenze fisiche e psichiche che avvengono dentro le mura domestiche, proprio il luogo dove una persona si dovrebbe sentire “protetta“.

 

D’Ambrosio Giorgio

PHI Foundation

Alcolisti In Comunità

1 Conflitti e Cause

Uno dei tanti problemi gravi in questa comunità, è quello  dell’alcol.

Diventa difficile per gli alcolisti  l’approccio in  comunità perché emergono forti disagi  a rapportarsi con  i propri cari e  con il resto delle persone.

Non è facile scegliere il giusto comportamento da mantenere, fattori come l’ansia e l’insicurezza da parte dei famigliari possono causare  conflitti, influenzando le condizioni di vita della persona in difficoltà.

Troppo spesso,  aiutare  la  persona coinvolta credendo di fare del bene, si rivela un ulteriore danno e diventa necessario rivolgersi ad una comunità di recupero per alcolisti .

Ma non sempre l’idea di andare in comunità è accettata di buon grado.

Sono  tante le cause che portano in crisi il soggetto.

La scelta di entrare in comunità spesso non è presa in considerazione  perché viene interpretata come una forma di debolezza.

Si può essere condizionati dalla paura  di cambiare il proprio stile di vita, perché una volta entrati in comunità si perdono le abitudini sbagliate e si viene di rieducati sotto ogni aspetto.

Attività come ad esempio programmare una giornata, condividere la propria storia  con il gruppo d’ascolto e il motivo che li ha portati ad affrontare la vita con l’ uso di  alcolici non sempre risulta di facile scelta per l’individuo.

La personalità è sempre soggetta  a sbalzi d’umore, sensi di vuoto, paure costanti,  insicurezza e  il loro adattamento all’ambiente esterno non  è sempre   flessibile.

Durante il periodo di astinenza, può essere complicato per chi assiste, perché  si possono manifestare atti di aggressività e vulnerabilità.

La dipendenza  porta ad emarginare  queste persone  dalla società e diventa difficile ogni tipo  di confronto e spesso  la scelta di vita  diventa conflittuale e sedentaria.

Per questo devono essere aiutati, non aggrediti, ma seguiti  e soprattutto ascoltati  senza provocare ulteriore danno.

 

2 Scelta della Comunità

Una delle comunità per alcolisti  che si potrebbe scegliere è  San Patrignano .

Il programma di recupero prevede diversi aspetti di sostegno.

Il percorso terapeutico è  molto importante nella prima fase, perché serve anche a rieducare la persona.

Nei confronti della persona, si tende a  non riconoscere la dipendenza come una malattia  e per tanto non  è prevista una cura farmacologica.

Invece per le persone  con problematiche più gravi, diventa necessaria la cura farmacologica .

Durante il percorso di recupero  si viene seguiti da un tutor e si vive insieme ad altre persone, svolgendo varie attività,  quelle dedicate alla formazione e alla vita sociale, in cui viene insegnata  una professione oppure è possibile partecipare a progetti  in  comunità  dove ci si pone come obiettivo principale  lo sviluppo  di  una maggiore autostima e consapevolezza nel consolidare i rapporti interpersonali .

Inoltre il programma è personalizzato in base alle  esigenze e caratteristiche dell’ individuo .

Altri centri di comunità sono: Alcolismo.com

In alternativa ai centri di comunità  è possibile rivolgersi ai centri d’ascolto.

 

3 Attualità

Si può essere dipendenti da tante  cose ma questa è una delle dipendenze che non lascia  pace e per questo la  comunità non deve essere vista come un conflitto ma come un aiuto concreto .

Perciò i nuclei famigliari e tutte  le altre persone più vicine che si trovano  ad affrontare queste situazioni, non devono avere paura e devono sapere in che modo poter aiutare  gli alcolisti scegliendo quest’opportunità in comunità, per evitare di sfociare in ulteriori conflitti.

 

Il 19 maggio  è uscito il  singolo  ‘’ I’ m an alcoholic ’’ di L’Aura,  cantante italiana.

In cui è citato anche un elemento chiave:  l’alcol che è una delle dipendenze più rischiose in questa comunità .

Lo stesso brano  è la voce di una donna che crede di saper controllare la propria dipendenza invece  è  la dipendenza dall’alcol  che controlla Lei.

 

N&D Nadine Fashion Stylist

PHI Foundation