Articoli

UN LAVORO VUOL DIRE DIGNITÀ, INDIPENDENZA E FELICITÀ

Il Nodo Cooperazione Internazionale Onlus, lasciando alle spalle l’assistenzialismo, ha optato per diffondere la cultura del lavoro con un progetto innovativo di auto sviluppo, una scuola che supporta le capacità artigianali della Cambogia, dove la manualità non è stata ancora soffocata dall’uso delle macchine.

Una nazione che vuole guardare al futuro deve prima di tutto pensare ai bambini e ai giovani, alla loro educazione e alla loro istruzione perché loro sono il bene primario della società, i cittadini del domani che dovranno poter lavorare, produrre e contribuire allo sviluppo del proprio paese.

Uno degli obiettivi del Nodo è quello di aiutare i giovani della Cambogia a superare ignoranza e povertà, trasferendo conoscenze e metodologie, dando valore all’individuo e stimolando le capacità di gestire attraverso il lavoro, il loro futuro e quello delle loro famiglie.

La Bottega dell’Arte di Phnom Penh è una scuola di design sociale dove 25 ragazzi e ragazze imparano a lavorare l’argento. La maggior parte di loro arriva da una zona poverissima della periferia della città, sono giovani con scarsa istruzione, con difficili situazioni familiari, alcuni sono orfani appena usciti dall’orfanotrofio o portatori di handicap. Per loro la Bottega non è solo un luogo dove imparare una professione ma anche una casa e una protezione.

Ogni anno un designer italiano trascorre un mese in Bottega per insegnare ai ragazzi a produrre oggetti innovativi. Nella scuola non si tengono solo corsi di disegno e lavorazione del metallo, ma anche corsi di contabilità e gestione d’impresa, nonché corsi di alfabetizzazione per gli studenti che non hanno potuto completare gli studi di base. Alla fine del percorso, i più bravi possono rimanere in Bottega ad insegnare, i più intraprendenti aprono una loro attività, sostenuti dal Nodo con un piccolo prestito, gli altri vengono aiutati a trovare un lavoro in imprese esistenti.

Un altro grosso problema che affligge la Cambogia e di cui Il Nodo ha voluto occuparsi è quello dell’acqua. L’acqua è causa di allagamenti e disastri naturali, ma qui è anche una delle maggiori cause di mortalità infantile. Per questo Il Nodo distribuisce filtri per la potabilizzazione dell’acqua, ma interviene anche organizzando corsi di igiene e manutenzione del filtro. In quattro anni sono stati distribuiti più di 600 filtri ed ha istruito i bambini e le loro famiglie per il loro uso e manutenzione.

Il Nodo collabora, inoltre, con alcuni orfanotrofi locali, fornendo ai bambini e ragazzi ospiti, tutto il necessario per nutrirsi adeguatamente, vestirsi e andare a scuola. Offre loro corsi complementari di inglese e computer utili a qualificarli per un futuro lavoro, corsi di musica e di danza per fornire interessi e stimoli che li aiutino a formarsi un’identità positiva e corsi di tessitura ed intreccio di ceste e stuoie per insegnare attività generatrici di reddito ai ragazzi prossimi all’uscita dall’Istituto.

Questi sono solo alcuni dei progetti che Il Nodo Cooperazione Internazionale Onlus ha in corso in Cambogia. Se volete conoscere meglio questa bellissima realtà, se volete aiutarli o entrare a far parte di questa associazione, potete scrivere a info@ilnodoonlus.org  o telefonare allo 02.66801806 e sarete sempre ben accolti.

 

Laura Giacometti

PHI Foundation

Che c’entra l’olio di argan con l’autonomia delle donne?

Colore paglierino e gusto simile a una nocciolina, l’olio di argan è da secoli un ingrediente fondamentale della cucina marocchina. Però, poiché vanta anche proprietà emollienti e idratanti, è divenuto famoso come “oro del Marocco ”. Negli ultimi 15 anni ha conquistato il mercato cosmetico occidentale, tanto da essere utilizzato nei rituali di bellezza delle donne di tutto il mondo, arrivando a costare anche più di 150€ al kilo.

Le piante di argan crescono solo in Marocco. Sono le donne a raccoglierle e a trasformarne le noci in olio attraverso un lunghissimo procedimento che apprendono fin da bambine e che si tramanda di generazione in generazione. Si sono organizzate in cooperative, dove hanno scoperto quanto è importante essere autonome e indipendenti dai propri mariti.

Nella cooperativa Ajddigue, le donne, sedute su semplici stuoie, spaccano pazientemente mucchi di piccole noci e, intanto, parlano insieme, ridono insieme e pensano insieme. Ajddigue non è solo un luogo di produzione dove i gherigli vengono trasformati nel prezioso oro liquido, ma soprattutto uno spazio di autonomia e condivisione per tutte loro e tutto per loro.

La cooperativa, nata nel 1993, oggi conta 60 lavoratrici ed esporta i suoi prodotti a base di olio di argan nel resto del mondo riuscendo a guadagnare di più di quanto otterrebbe vendendo solo sul mercato interno. Le operaie percepiscono un reddito adeguato per mantenere i loro figli e per permettersi agi come acqua corrente e luce elettrica.

Grazie all’acquisto di macchine estrattrici, incentivato da un programma statale, Ajddigue ha potuto incrementare la sua produzione e, allo stesso tempo, lasciare alle donne che vi lavorano più tempo libero da dedicare alle proprie famiglie. Organizza pure corsi di alfabetizzazione contribuendo alla loro emancipazione da una società antica e patriarcale.

Le conquiste economiche raggiunte da Ajddigue a un certo punto sono state minacciate da compagnie locali che si sono spacciate per cooperative femminili al fine di ottenere le sovvenzioni statali. A queste si sono aggiunti i contraffattori, che hanno cercato di vendere l’olio di argan a prezzi più bassi mischiandolo a quello di girasole. La forza delle lavoratrici non è venuta meno di fronte alla concorrenza sleale. Ajddigue ha reagito facendo certificare i propri prodotti da Fair Trade, da Ecocert e dal marchio europeo IGP (Indicazione Geografica Protetta). A dimostrazione del fatto che le società cambiano positivamente quando si creano opportunità di sviluppo per le donne.

Questo esempio di rivoluzione culturale non riguarda solo la cooperativa Ajddigue: negli ultimi quindici anni l’esportazione dell’olio di argan è andata di pari passo con la crescita sociale delle donne che lo estraggono. Le 150 cooperative nate in Marocco per la produzione dell’olio di argan hanno risollevato dalla povertà e dalla disoccupazione le aree più emarginate del paese fornendo una valida alternativa rispetto alla pastorizia o all’emigrazione nelle grandi città.

In questo caso, un prodotto naturale come l’olio di argan, si è trasformato in una alternativa non solo economica ma anche di affermazione delle donne come protagoniste della società e promotrici di cambiamenti positivi.

 

Vanessa Doddi

PHI Foundation