Articoli

Fondazione Francesca Rava: il bene fatto BENE

L’ANTEFATTO CHE GUIDA A FARE DEL BENE

A volte da tragici eventi nascono realtà meravigliose, come “ Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia”, enti no profit importanti che prendono forma e sembrano essere guidate da fili trasparenti, che tracciano linee guida.

Mariavittoria, dopo la morte della sorella Francesca, decide di dedicarsi un po’ agli altri, ma è un buon avvocato e di tempo ne ha proprio poco. Decide così di usare la sua professione per offrire consulenze gratuite alle associazioni di volontariato o a persone bisognose.

Conosce l’organizzazione umanitaria internazionale N.P.H Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli) che aiuta bambini e i ragazzi in condizione di disagio accogliendoli in Case orfanotrofi in America Latina, dando una speranza per un futuro migliore a chi non ha nulla.

Vorrebbe aprire una sede in Italia ma purtroppo non trova nessuno che voglia dare una mano. Mariavittoria non si arrende e, come invitata da qualcosa di inspiegabile si mette in gioco; coinvolge mamma, zia, amiche; tutti insieme con tanto entusiasmo e un grande cuore, si danno da fare per aprire la sede in Italia.

Così nasce Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia, una grande famiglia internazionale dedita ai bambini e ai ragazzi in difficoltà, non solo offrendo mezzi di sostentamento, ma anche una formazione scolastica che possa permettergli da adulti di trovare un lavoro e farsi una famiglia. La Fondazione è particolarmente impegnata nel Paese quarto mondo di Haiti, dove ogni ora due bambini sotto i 5 anni muoiono per malnutrizione e malattie curabili.

I PROGETTI DI FONDAZIONE FRANCESCA RAVA

I volontari di Fondazione Francesca Rava vogliono fare del bene, ci mettono anima e cuore, non si arrendono davanti agli ostacoli ma vanno oltre… tante volte anche oltre confini e culture diverse, infatti aiutano ragazzi nati in condizioni sfortunate a diventare cittadini liberi e indipendenti in Paesi dove “libertà e indipendenza” sono considerate ancora un lusso.

La Fondazione è impegnata anche in Italia con progetti in aiuto ai bambini come:

  • La realizzazione della scuola Materna di Pieve Torina a Macerata, l’ottava scuola realizzata dalla Fondazione per i bambini del Centro Italia colpiti dal terremoto e per la quale ognuno di noi può donare 10,00€ per un mattone per costruire l’edificio. La scuola dovrebbe essere pronta per ottobre (salvo impedimenti burocratici) e tutti i sostenitori saranno invitati all’inaugurazione.
  • In farmacia con i bambini”, una raccolta di farmaci da banco e prodotti babycare per bambini in povertà sanitaria, che ricorre ogni anno il 20 novembre, Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia, in molte farmacie Italiane aderenti.
  • “ninna ho”, primo progetto nazionale a tutela dell’infanzia abbandonata che informa le madri in difficoltà sulla possibilità di partorire in anonimato e che prevede la presenza di culle salvavita presso un network di ospedali dislocati in tutta Italia.

AIUTATECI A FARE BENE

Si può aiutare Fondazione Francesca Rava in molti modi: donando il 5 per mille C.F. 97264070158, facendo attività di volontariato o sostenendo uno dei loro progetti. Si può scegliere una o più iniziative; visitate il sito www.nph-italia.org, o contattate l’associazione allo 02.54122917 oppure scrivete a info@nph-italia.org.

Una sola cosa è importante FARE BENE IL BENE, questo sì che vi aiuterà a ottenere molta felicità.

 

Laura Giacometti

PHI Foundation

BLUE WHALE – Il fenomeno sociale del momento

Il fenomeno sociale di questi giorni è il Blue Whale, un gioco macabro che coinvolge ragazzini indifesi e che culmina col suicidio degli stessi.

Se ne è parlato recentemente in tv e molti siti web di informazione hanno dato risalto a questo fenomeno, ma cerchiamo di capirlo meglio:

1 Cos’è la Blue Whale ?

Blue Whale è un termine  inglese che in italiano significa ‘’balenottera blu’’ o “balena blu”.

Questo gioco è  nato in Russia, successivamente diffuso in America Latina e poi in Europa.

Il gioco  nasce a maggio del 2016.

Nel sito web russo,  Novaya Gazeta, d’informazione   indipendente,  è stato pubblicato un articolo dal  titolo macrabo “i gruppi della morte” .

Sito con molti fan soprattutto adolescenti, che ha suscitato fin da subito un interesse particolare, specialmente da parte di chi è particolarmente fragile e mostra una  forte insicurezza ed incapacità di amare la vita.

Ci sono state varie testimonianze di  madri che hanno perso i loro figli, sostenendo di essere state per molto tempo, all’oscuro di ciò che stava accadendo ai propri figli.

In particolare è stata raccolta la testimonianza della madre Irina a seguito della morte della figlia  Eli .

La donna ha visto alcuni disegni realizzati dalla figlia di farfalle e balene, apprezzandone il notevole talento confermando la tesi che ella durante la realizzazione, godeva di ottima salute.

Alla morte della figlia, la donna crede che l’atto del suicidio  sia scaturito da motivi adolescenziali, ossia delusioni  d’amore o altri problemi di varia natura.

Ma tutto ciò alla donna, non torna, dunque decide di indagare da sola.

Approfondisce l’argomento indagando sui gruppi del gioco sui social frequentati dalla figlia, in seguito crea un profilo fake per capire meglio quali siano le  tematiche all’interno del gruppo.

Scopre che erano in circolazione molte immagini con la rappresentazione  di mani tagliate e con sopra disegnate delle balene.

La donna ha pensato fossero immagini prese da altri siti web  e  social , invece  si è  trattato  di un vero e proprio gioco  che ha portato alla  morte della figlia .

Da questa ricerca, è scattato subito l’allarme che presto è circolato  su tutti i media, giornali, tv, radio,  sono state fatte numerose campagne  d’informazione  contro questo  gioco mortale e molti video challenge da vari  utenti  sui canali youtube.

2 Quali sono le  regole  e lo scopo del gioco?

In questo gioco le regole sono 50  che portano alla morte, rovinando la psiche del ragazzo portandolo alla pazzia.

Ecco elencate  alcune delle  regole :

 

1 Incidersi sulla mano,  con il rasoio, ‘’f57’’ e inviare la foto al curatore,

2 Alzarsi  alle 4:20 del mattino e guardare video psichedelici e dell’orrore che il curatore invierà,

3 Tagliarsi il braccio con un rasoio lungo le vene. Dopo tre tagli, inviare la foto.

4 Disegnare una balena su un pezzo di carta e inviarla al curatore.

5 Se si è pronti a diventare una balena, incidersi yes su una gamba.

Se, invece è al contrario tagliarsi più volte. Quest’ultima è considerata come un’ azione punitiva.

Cosi avanti fino all’ultima “regola”, ovvero buttarsi da un edificio molto alto.

Molti adolescenti con poca autostima, senza punti di riferimento, si lasciano manipolare da questi serial killer sui gruppi social e sono i primi  a cadere in questa trappola della morte.

Si crea una dipendenza dal gioco,  in cui non è facile nè gestire, nè cambiare idea, per capire che ciò in cui si stà andando incontro è la morte .

Lo scopo della Blue Whale è quello di fare leva sulla vulnerabilità dell’individuo.

Monitorando il più possibile la sua psicologia in modo da annientare  la persona.

3 Come possiamo aiutare i nostri figli?

E’ importante mantenere vivo il dialogo con il proprio figlio sul fenomeno della Blue Whale .

Fare attenzione agli sbalzi d’umore,  alla condotta della vita scolastica, vita sociale e soprattutto  saper controllare  se  le ore di  sonno  sono efficaci o se portano riscontri negativi ad esempio: malessere, stanchezza fisica, inappetenza  oppure isolamento.

Come citato nelle regole della Blue Whale, ci si alza alle 4:20 del mattino per vedere film horror, ascoltare musica che danneggia la psiche.

Guardare sempre se il figlio riporta lesioni sul corpo e al minimo sospetto è bene segnalare subito  l’accaduto alla polizia postale  e alle autorità competenti.

Inoltre, la cosa più importante, è quella di insegnare sempre il valore della vita, cercare di invitare il proprio figlio a svolgere più attività ricreative o di sport collettivo.

Spiegare come navigare sui social e sui vari siti web in generale con  maggior sicurezza .

E’ utile cercare di capire l’opinione del ragazzo.

Aggiungo, che di questi tempi,  l’ideale sarebbe che un ragazzo, non fosse in possesso di oggetti tecnologici e che almeno  gli venga insegnata più consapevolezza nell’uso di questi  dispositivi.

Bisogna assicurarsi  che vi siano più controlli da parte dei genitori in modo tale da ridurre il rischio  di trovarsi  in  situazioni scomode.

Con la consapevolezza che giochi mortali come la Blue Whale non dovrebbero esistere per nessun motivo al mondo è bene sapere che purtroppo questi fenomeni esistono ma si possono affrontare e evitare che i nostri figli caschino in queste ragnatele dell’orrore.

 

Riporto il link di una  video challenge  di

 Gianmarco  Zagato per capire meglio di cosa si tratta:

 

N&D Nadine Fashion Stylist

PHI Foundation

 

Anche le bambole pensano: un invito a crearle in modo diverso

Neha Chauhan Woodward, indiano-americana nata a New York, ama giocare con le bambole, però nessuna delle bambole con cui ha giocato da piccola assomigliava a una persona reale come poteva essere lei o una delle sue amiche.

Se anche io penso a Barbie, la bambola con cui ho trascorso la maggior parte della mia infanzia, non trovo nulla in lei che mi rappresenti. Aveva vestiti eleganti per tutte le occasioni, scarpe col tacco, orecchini brillanti, capelli biondi sempre in ordine, anche se avevo una spazzola per pettinarla. Ma soprattutto Barbie non aveva desideri, interessi, passioni, obiettivi da raggiungere. Mentre io ne avevo tanti. Barbie era troppo alta, troppo bella, troppo ideale per poter anche pensare, desiderare, conoscere.

Barbie era nata per apparire, non per essere. Era nata perfetta, come nessuna bambina, ragazza o donna è, nella vita vera. Barbie era come, fin da quando ero piccola, mi hanno detto di essere: bella, magra, educata, controllata, attraente per il futuro principe azzurro Big Jim. Forse è questo che ha pensato Neha Chauhan Woodward quando ha deciso di creare una bambola diversa dalle altre ma simile a tutte noi.

Così, con l’aiuto di una campagna Kickstarter, ha fondato Girls & Co, società di giocattoli che offre una collezione di sette bambole, ognuna rappresentativa di background culturali differenti. Nell’azienda lavora Mackenzie una afro-americana che spera un giorno di diventare president, Rory a cui piace la danza hip hop, Maya che si è trasferita con la sua famiglia dalla Colombia negli Stati Uniti e un giorno vuole essere uno scienziato. Poi ci sono Cara, di origine latina, e Anjali, indiano-americana, proprio come la fondatrice Neha Chauhan Woodward, che non aveva mai avuto una bambola indiana.

Grazie a Girls & Co molte bambine di provenienza diversa si sentiranno finalmente rappresentate. Non solo per origine etnica o geografica ma in quanto bambine, ragazze e future donne. Le bambole di Girls & Co rispecchiano personaggi reali: sono intelligenti, ambiziose, con interessi veri sia personali che professionali.

Le bambole di Girls & Co sono goal-oriented e sapranno ispirare le bambine affinché diventino future donne leaders. Per questo Neha Chauhan Woodward vuole destinare una percentuale del ricavato di vendita di ogni bambola a She’s the First, associazione no profit che realizza progetti di educazione per sostenere le bambine che vivono in condizioni svantaggiate in Africa, America Latina e Asia.

 

Vanessa Doddi

PHI Foundation