Articoli

Milano al centro: nasce il progetto MEET, il centro internazionale per la cultura digitale

Da un’idea della Fondazione Cariplo nasce nel capoluogo lombardo il progetto MEET, una costola dell’esistente progetto di Maria Grazia Mattei chiamato Meet the Media Guru.
E’ grazie alla Fondazione Cariplo, attiva da ben 26 anni nel supporto del terzo settore, che il progetto MEET può potenziarsi e può finalmente approdare nell’ex Spazio Oberdan di Milano, vinto con bando comunale dalla Fondazione per 8,5 milioni di euro e destinato integralmente alla causa, impostando così il capoluogo della regione Lombardia al centro della cultura digitale nell’epoca del 2.0 .

Uno spazio dove cultura, digitalizzazione e futuro s’incontrano

Digitalizzazione e cultura in un unico ed innovativo progetto tutto italiano.
Maria Grazia Mattei, di formazione umanista e da sempre affascinata al rapporto uomo-macchina, avanguardista e proiettata nel futuro in digitale, ha ben pensato di integrare nel progetto MEET la componente culturale e artistica che la contraddistingue, contrapponendo digitale e tecnologia con il suo opposto: arte e cultura.
Ma in cosa consiste il progetto? Quello di raccontare come la tecnologia abbia modificato ogni settore ed impegnare i giovani e non, a comprendere e padroneggiare il mercato di domani, che si serve della tecnologia e del digitale per essere altamente innovativa, presente e competitiva.

Il progetto Meet avrà 4 linee di intervento multidisciplinari: la content zone sarà un laboratorio creativo per format e prodotti multimediali, la research and innovation zone sarà un laboratorio che indagherà sull’impatto della cultura digitale sulla comunità, l’education zone tratterà corsi, workshop, ed infine la showcase zone riprenderà quanto già visto nel progetto di Meet the Media Guru ovvero progetterà e realizzerà eventi.

Le prossime iniziative del MEET

In attesa che l’ex Spazio Oberdan di Milano verrà inaugurato (si presume entro fine dell’anno), gli organizzatori del progetto MEET hanno già iniziato ad avviare iniziative e appuntamenti che riguardano temi come l’intelligenza artificiale, l’health innovation, la blockchain e l’innovazione tecnologica.
Ecco tutti gli appuntamenti:

È possibile iscriversi e partecipare agli incontri del progetto MEET visitando l’agenda digitale al link https://www.meetthemediaguru.org/it/agenda/.

Perché se il futuro è in digitale, formarsi non può che dare una spinta a tutti quei settori sofferenti.
Già da anni, si sta verificando un profondo cambiamento e restare indietro significa perdere opportunità, occorre invece una rivoluzione digitale ed apertura mentale per carpire ciò che le varie figure internazionali possono insegnare e cogliere ciò che il digitale stesso può prospettare, integrando e arricchendo realtà preesistenti per allineare la nazione ai già alti livelli internazionali.

 

Dalila Iannitto

PHI Foundation

Parte col botto il Meet the Media Guru 2016: Ospite Moses Znaimer

Apre il sipario Meet the Media Guru 2016 portando in scena Moses Znaimer con una nuova visione dell’età.

Il primo ospite di Meet the Media 2016 è Moses Znaimer, in scena lo scorso 18 febbraio, a Milano, presso il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci.

Comincia con “l’uomo della media innovation” la stagione degli eventi organizzati da Meet the Media Guru sui temi, appunto, dell’innovazione e della cultura digitale.

Nel 2016 Meet the Media Guru ha scelto di indagare l’impatto sociale della “digital culture” e le conseguenze che ha sul tessuto culturale in cui ci muoviamo. Trasformazioni a cui non sono immuni i cosiddetti media tradizionali, tv e radio in testa: in un processo di continua osmosi assistiamo alla nascita di nuovi linguaggi che sanno farsi ispiratori di forme produttive innovative (e viceversa).

Moses Znaimer, classe ‘47 ma spirito e aspetto da quarantenne, ha offerto alla sua platea un punto di vista tanto visionario quanto pragmatico sul futuro della tv. Già nel ‘72 aveva ideato Citytv, la prima urban tv del mondo, emittente televisiva di Toronto con l’ambizione di raccontare la città attraverso le voci dei suoi cittadini, a cui veniva offerta la possibilità di lanciare messaggi, denunce o appelli grazie a un palinsesto fluido, aperto e condiviso. Un modello editoriale che ha anticipato di oltre trent’anni l’avvento dei social media, prefigurando il tramonto del broadcasting a favore di una fruizione tribale, comunitaria e parcellizzata dei contenuti

“Moses Znaimer è un vero guru dei media» dice Maria Grazia Mattei, direttrice di Meet the Media Guru: «la sua ultima avventura, ZoomerMedia parla alle persone mature, ne racconta gli interessi, i bisogni, persino i sogni attraverso un universo multimediale completo.”

Infatti nel 2008 Znaimer ha fondato ZoomerMedia Limited, network di tv, radio, giornali e portali canadese specializzato nell’informare e intrattenere gli over 65, un segmento di popolazione tanto numeroso quanto dotato di risorse economiche da destinare al consumo culturale. L’obiettivo di Znaimer e della sua media company è dare a questo target di pubblico contenuti, prodotti e servizi informativi on e off line capaci di raccontare a New Vision of Aging, un modello di terza età dinamica culturalmente quanto fisicamente.

A ZoomerMedia Limited fa da sponda Carp, associazione no profit a difesa dei canadesi over 65 e conta 300mila iscritti. L’associazione si impegna a promuovere sicurezza economica, salute e superamento dell’age discrimination fra gli over 65 canadesi attraverso incontri, conferenze e servizi di sostegno e lobbying. In 7 anni, il successo del network è cresciuto, lasciando immaginare un modello di business redditizio e replicabile in decine di paesi del mondo, Italia in primis (basti pensare che nel nostro paese gli over 65 sono oltre 13 milioni, il 14% della popolazione totale).

L’associazione rappresenta uno dei più potenti gruppi di pressione in Canada, una fonte per i media ogni volta che vogliono un commento o reazione ad una politica di governo che ha a che fare con la salute , le pensioni o altri temi legati all’invecchiamento. Gli sforzi di CARP si concentrano su tre aree principali: salute, finanza e diritti. Per saperne di più sul programma di Advocacy di CARP clicca qui.

Znaimer si chiede se i contenuti culturali si adeguino all’invecchiamento delle nostre comunità: “Con che linguaggi i media raccontano un mondo dove si vive sempre di più? Cos’è la vecchiaia nella Digital Culture? E se invece dei nativi digitali, dovessimo guardare ai Digital Immigrants?” Si aprono così orizzonti affascinanti e tutti da scoprire. Stay tuned!

 

Paola Antifora

Phi Foundation