TORINO: REGINA DEL VOLONTARIATO CULTURALE

LA CITTÀ

Nonostante Torino non fosse mai stata nominata, finora, dal Ministero dei beni e delle attività culturali come capitale della cultura, dispone, invece, del più alto numero di associazioni per il volontariato culturale.

Torino è una città che ha molta «storia», partendo dal centro con due bellissime piazze: piazza San Carlo di forma rettangolare con due chiese gemelle sul lato meridionale e con al centro un monumento in bronzo dedicato ad Emanuele Filiberto di Savoia e piazza Castello coi suoi monumenti, i suoi portici e le sue fontane a raso.

Si può vedere:  la Mole Antonelliana, la Sacra Sindone all’interno del duomo, le gallerie, le chiese, il lungo Po, e molte altri luoghi meravigliosi della città.

Vi sono anche molte associazioni di volontariato  legate alla cultura, che propongono moltissime attività per tutti sia per i giovani che per i meno giovani.

LE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO CULTURALE TORINESE

L’associazione «Amici di Palazzo Reale» si è costituita nel 1994 con lo scopo di accompagnare il pubblico negli ambienti di Palazzo Reale, esclusi dal tradizionale circuito di visita, diffondendo così un’approfondita conoscenza storico-artistica ed architettonica di Palazzo Reale e delle altre residenza sabaude, organizzando numerose iniziative culturali e didattiche, come: conferenze, convegni, corsi di formazione, ed una raccolta fondi finalizzata al restauro delle opere d’arte di Palazzo Reale.

Cambiando ambito, ma restando in tema di volontariato culturale e spostandoci dal mondo dell’arte verso quello della cultura nobiliare, dal 1996 è nata Vivant un’associazione che approfondisce le tradizioni storico-nobiliari ed i legami della nobiltà col mondo contemporaneo.

L’associazione ha il compito di studiare e di far conoscere il ruolo della nobiltà, di stabilire i collegamenti con associazioni storiche, culturali ed araldiche,  di favorire la consultazione di archivi familiari ed infine di curare la pubblicazione di libri, riviste e saggi, consultabili sul sito internet www.vivant.it.

Spostandoci da Torino ed andando verso Collegno, nella fine dell’Ottocento fu edificato il villaggio Leumann, ossia un complesso architettonico di 60.000 m² costruito per volere dell’imprenditore elvetico Napoleone Leumann, in stile liberty e costituito dal  cotonificio, da alloggi, da una piccola stazione tranviaria, dalla chiesa dedicata a sant’Elisabetta, dalla scuola materna ed elementare, dall’ albergo e da un ufficio postale.

Nel 1992 alcune persone legate al villaggio decisero di dar vita all’associazione «Amici della scuola Leumann» per tenerne viva la memoria.

L’associazione organizza visite guidate nel villaggio, attività sociali, culturali e ricreative che riprendono lo stile di vita nel villaggio ed inoltre dei corsi di maglia, tessitura, feltro e di ricamo.

Chi fosse interessato alle attività delle associazioni può prenotarsi consultando la pagina internet www.villaggioleumann.it.

 

Il mondo della cultura ci affascina sempre e le diverse attività offerte dalle suddette associazioni di volontariato culturale possono essere dei dilettevoli passatempi per trascorrere delle giornate diverse dalla solita quotidianità, dando la possibilità di conoscere nuovi ambiti artistici.

 

Filippelli Giuseppina Giovanna

PHI Foundation

LA SCLEROSI MULTIPLA

CHE COS’ È LA SCLEROSI MULTIPLA ?

La sclerosi multipla è una malattia neurodegenerativa demielinizzante, che comporta la perdita della mielina (o guaina mielinica, la quale ha una struttura biancastra multilamellare con funzione isolante che avvolge gli assoni di tutti i neuroni degli esseri vertebrati) in molte aree del sistema nervoso centrale.

Durante il processo di demielizzazione c’è una fase iniziale infiammatoria a cui segue una fase cronica con cicatrici e placche all’interno del sistema nervoso centrale.

La Sclerosi Multipla è causata da fattori ambientali, genetici ma non è ereditaria; in seguito a degli studi epidemiologici condotti in molte zone del mondo è emerso che questa malattia è più diffusa nell’emisfero settentrionale e meridionale  mentre in zone più vicine all’equatore le popolazioni vengono colpite con una percentuale molto bassa.

Una maggior incidenza della malattia si ha nel Canada, nell’America del Nord, in Australia ed in Nuova Zelanda mentre più ci si avvicina all’equatore e più la possibilità di diffusione della malattia è nulla.

Infatti in zone molto assolate il corpo umano produce molta vitamina D (un ormone utile per le ossa, il sangue, il cervello e pelle) e la possibilità di contrarre la malattia è ridotta, registrando un tasso di malattie riscontrate molto basso.

In tutto il mondo si registrano circa 3.000.000 di persone ammalate di Sclerosi Multipla, di cui 600.000 in Europa e 180.000 soltanto in Italia.

STORIA DELLA SCLEROSI MULTIPLA

Il primo caso di Sclerosi Multipla si è registrato in Olanda sul finire del 1300, dopo 4 secoli si sono registrati altri due casi di SM.

Sul finire dell’Ottocento il neurologo francese Jean-Martin Chargot fu il primo a riconoscere la SM, individuando la triade di Chargot, ossia i tre segni della malattia: il nistagmo, il tremore intenzionale e la parola scandita.

Allievo e seguace di Chargot fu Pierre Marie che fece importanti ricerche in ambito neurologico ed endocrinologico.

Gli studi e le ricerche in questo campo proseguirono per tutto il Novecento con lo scienziato biomedico americano Elvin Kabat ed il fisico svizzero Felix Bloch, Nobel per la fisica per il contributo alla nascita della risonanza magnetica nucleare.

Nel 1957 due virologi Alick Isaacs e Jean Lindenmann scoprirono l’interferone, una proteina capace d’interferire con la replicazione di agenti patogeni e di regolarizzare il sistema immunitario.

 TERAPIE

L’interferone beta b1, primo farmaco approvato negli Stati Uniti d’America nel 1993, fu un’ importante scoperta nella cura della Sclerosi Multipla e delle recidive, nel 1996 fu approvato e somministrato gratuitamente ai malati in Italia, poi nel 2000 fu approvato e diffuso anche l’interferone b1a col compito di rallentare la progressione della malattia.

In presenza di ricadute e remissioni si segue una terapia farmacologica steroidea somministrata per via orale o in fleboclisi, a cui seguono progetti riabilitativi a seconda dei sintomi e dei problemi manifestati durante il decorso della malattia.

L’AISM

L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM), nasce a Roma nel 1968 per rappresentare i diritti e le speranze delle persone malate di SM. Nei suoi 50 anni l’AISM ha migliorato la vita dei malati grazie al lavoro degli oltre 13.000 volontari, sostenuto la ricerca investendo 20 milioni di euro, tutelato i diritti sociali e civili dei malati, sensibilizzato le persone, diffuso informazioni, dialogato con enti ed istituzioni in favore dei malati affetti da Sclerosi Multipla e si è diffusa capillarmente lungo tutto il territorio nazionale con 100 sezioni presenti in quasi tutte le province italiane.

Chiunque volesse contribuire al sostegno dell’associazione può divenire volontario e/o socio, oppure può contribuire alla ricerca comprando una gardensia durante le giornate del 8, 9 e 10 Marzo, in occasione dell’annuale evento promosso dall’associazione, in tutte le piazze d’Italia.

Per info: https://sostienici.aism.it/gardensia/

 

Filippelli Giuseppina Giovanna

PHI Foundation