iAnimal: la realtà degli allevamenti intensivi tra le strade grazie ad Animal Equality

Animal Equality è un’organizzazione internazionale per la Protezione Animale che opera per la tutela degli animali allevati a scopo alimentare attraverso una serie di indagini approfondite negli allevamenti intensivi, denunciando maltrattamenti e sensibilizzando l’opinione pubblica.

Uno degli ultimi progetti di Animal Equality intitolato iAnimal, tende a catapultare lo spettatore nella realtà degli allevamenti intensivi e dei macelli attraverso filmati a 360 gradi riprodotti grazie ai visori VR per la realtà virtuale.
Animal Equality, con la sua iniziativa, ha già raggiunto le strade di Busto Arsizio, Milano, Parma, Ostia e diversi punti nevralgici di Roma, compresa l’Università di Roma Tor Vergata.
Il 28 gennaio, Animal Equality è stata presente nel Largo dei Lombardi a Roma, dove numerosi passanti hanno voluto prendere parte al viaggio sensoriale di iAnimal, in particolar modo i giovani.

Leggi anche:  IMPRONTE DIVERSE: UN PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIALE

Uno dei video mostrati nel progetto di realtà virtuale iAnimal s’intitola 42 giorni. Di solito 42 giorni sono più che sufficienti per raggiungere la crescita massima di un pollo dell’allevamento intensivo.

Il video in questione, ottenuto grazie all’uso di telecamere nascoste posizionate durante delle indagini investigative che hanno coinvolto anche il nostro paese, analizza il mondo degli allevamenti intensivi di polli portando allo spettatore una fetta della realtà.

Si stima che ogni anno in Italia vengano allevati oltre 500 milioni di polli di cui il 95% in allevamenti intensivi.

L’impatto ambientale degli allevamenti intensivi

  • Secondo uno studio condotto dal Fao nel 2016, un terzo del gas serra è causato dall’uso massiccio della chimica nell’agricoltura e negli allevamenti intensivi;
  • Il terreno destinato agli allevamenti intensivi toglie ingente terreno all’agricoltura;
  • Altro aspetto importante sono i reflui, che secondo la onlus Compassion in world farming italia raggiungono le 65 tonnellate all’anno;
  • Uno spreco di risorse: un terzo dei cereali prodotti in tutto il mondo viene utilizzato per alimentare il bestiame, è ingente anche l’acqua usata per produrre 1 kg carne rossa di manzo occorrono 15 900 litri d’acqua, per produrre 1 kg di legumi ne occorrono 4055 litri.
Leggi anche:  BookCity Milano: Chi ama i libri non va mai a letto da solo

 L’impatto sulla salute

  • Sono state registrate gravi forme di salmonella e del Campylobacter dopo l’uso di carne da allevamento intensivo

L’uso massiccio di antibiotici inevitabilmente creerà un’emergenza di superbatteri resistenti agli antibiotici

La soluzione è un’alimentazione alternativa

E’ tempo di seguire un’alimentazione sostenibile.
Animal Equality si batte da anni per diffondere la cultura vegan attraverso campagne di sensibilizzazione e la realizzazione di progetti come iAnimal.
Eliminare o ridurre drasticamente l’uso della carne può fare la differenza, perché è il consumatore ad alimentare questi lager che non fanno bene all’ambiente, agli animali e all’uomo.

Leggi anche:  PHI ACADEMY: CORSI DI FORMAZIONE A COSTO ZERO

Come affermato dal direttore di Animal Equality, Matteo Cupi, in un’intervista per veggiechannel.com: “quello che si può fare con le persone è appunto accompagnarle in un processo di cambiamento, fargli capire che veramente con piccoli passi si possono ottenere grandi cose”.
Oggi modificare la propria dieta significa avviare una piccola rivoluzione a salvaguardia del benessere comune, basta solo saper scegliere.

 

Dalila Iannitto

PHI Foundation

Vota l'articolo

12345
Loading...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento