Articoli

Solo se puoi

Solo se puoi

Pensare per tempo può fare tutta la differenza.

Ecco una proposta innovativa che può dare una svolta concreta ai nostri bilanci economici, Solo se puoi, perché davvero prendere del tempo in anticipo può fare tutta la differenza, tempo nel quale pensare come distribuire le spese ordinarie, extra e quelle impreviste. Come riuscire a rispondere a queste voci se non si è pronti?

Solo se puoi è una campagna di sensibilizzazione per l’uso responsabile del denaro e la prevenzione dell’usura a cura dell’8xmille della Chiesa Avventista, con la collaborazione dei partner tecnici Ambulatorio Antiusura Onlus e la Fondazione Adventum.

E’ stata creata perché una gestione delle proprie risorse e del proprio denaro non avveduta può portare te e la tua famiglia a vivere profondi disagi sia materiali che personali. Frustrazione, senso di isolamento, rischio di non avere più autonomia nella gestione delle entrate e lasciarsi andare, fino a cadere nella rete dell’usura.

Tra le iniziative di questa campagna è nata “Niente per Niente”, rappresentazione teatrale gratuita andata in scena per la prima volta a Roma il 27 aprile del 2015 con l’intento di presentare in modo originale ai giovani studenti che hanno la possibilità di riflettere su cosa può accadere nelle loro case, nelle case dei loro amici, il concetto dell’uso responsabile del denaro.

Grazie al patrocinio del MIUR, che ha subito creduto nell’efficacia dell’iniziativa, Niente per Niente ha proseguito il tour nel 2016 presso altre città d’Italia coinvolgendo gli studenti non solo con la rappresentazione, ma con attività a tema che proseguiranno nelle loro classi.

Con questo impegno si cerca di informare e fare riflettere sul problema dell’indebitamento, del sovraindebitamento e dell’usura; tematiche ad oggi poco proposte dalle Entità Finanziare e dallo Stato ma che sempre più organizzazioni non profit, stanno rilanciando.

Il servizio di help line è stato pensato per interagire con le persone che volessero informarsi o essere aiutate nell’affrontare questa situazione, per cui se hai bisogno di aiuto per uscire dei debiti o vuoi più informazioni a titolo gratuito, rivolgiti al servizio di Help Line di Solo se puoi e chiama il numero verde 800.810.123

Partiamo della nostra autoformazione per essere più consapevoli e formare chi è più vicino a noi a una problematica che ci coinvolge tutti. Nel sito ufficiale di Solo se puoi potrai trovare un valido aiuto da professionisti come avvocati, tecnici e commercialisti per capire come gestire le tue spese e prevenire per tempo l’indebitamento.

Jazmin Sivinta

Phi Foundation

Fondazione ADVENTUM

La Fondazione Adventum

Spezziamo insieme le catene dell’usura.

Vi presentiamo la Fondazione Adventum poco conosciuta tra le varie organizzazioni non profit impegnate a educare alla legalità, a promuovere percorsi di formazione atti a prevenire, fin nei ragazzi più giovani, il fenomeno del sovraindebitamento e ad offrire una concreta soluzione finanziaria alle persone in difficoltà a causa di situazioni di sovraindebitamento.

La Fondazione ADVENTUM è stata costituita dall’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del Settimo Giorno grazie ai fondi dell’8xmille a lei destinati, per rispondere ai bisogni sociali e alle situazioni di disagio economico connessi al rischio usura.

Opera dal febbraio 1995, collabora con le Istituzioni e il mondo associazionistico, facilitando la concessione di prestiti da parte di banche e istituti finanziari a lavoratori dipendenti e pensionati in stato di necessità, non si occupa delle imprese (per le imprese è possibile consultare l’Elenco dei Confidi che hanno ricevuto i fondi ai sensi dell’art 15 della Legge 108/96)

Riconosciuta nel 1996 dal Ministero dell’Interno come Ente morale, opera dal 1997 anche con i fondi del Ministero dell’Economia e delle Finanze grazie alla Legge 108/96 sull’usura.

Attraverso le proprie risorse e quelle del fondo ministeriale, la Fondazione, nei suoi oltre vent’anni di attività, ha aiutato circa 2.000 famiglie a uscire da situazioni di grave disagio dovuto al sovraindebitamento, garantendo prestiti per complessivi 17 milioni di euro.

Oltre alle soluzioni economiche, offre consulenze dal punto di vista giuridico, fiscale, bancario e sostegno morale tramite la collaborazione dei professionisti volontari dell’Ambulatorio Antiusura ONLUS di Roma.

La Fondazione collabora anche con l’Ufficio del Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura e con le Forze dell’Ordine.

Quando non è più possibile fare fronte ai debiti accumulati, purtroppo il rischio di scegliere soluzioni sbagliate, ad esempio cadere nelle mani degli usurai, è elevato.

La Fondazione ADVENTUM si attiva per aiutare le persone, che hanno i requisiti, facendo in modo che i loro debiti vengano risolti attraverso le banche convenzionate.

Possono richiedere aiuto alla Fondazione le persone fisiche (lavoratori dipendenti e pensionati) non bancabili.

Un percorso da fare insieme, Fondazione ADVENTUM e persone sovraindebitate, per arrivare a liberarsi dal peso dei debiti e riappropriarsi della propria vita.

Una situazione di sovraindebitamento unito all’impossibilità di avere un unico prestito con cui chiudere tutti i debiti possono indurre la persona a diventare vittima dell’usura.

La Fondazione ADVENTUM può intervenire rendendo di nuovo possibile la concessione di un prestito bancario grazie ai fondi previsti dall’art. 15 della Legge 108/96.

Come si accede?

Il primo passo è l’ascolto. La persona richiedente, su appuntamento, è ascoltata dagli operatori presso i gli uffici della Fondazione.

Alla fine del colloquio, gli operatori consegnano una scheda di rilevazione dati che dovrà essere opportunamente compilata (e corredata dai documenti necessari) da parte del richiedente e del suo garante.

Quando la pratica è completa, viene sottoposta per la valutazione alla Commissione per la Concessione dei Prestiti della Fondazione ADVENTUM, che la esamina in base ai criteri di meritevolezza e decide se inviarla in una delle banche convenzionate per attivare il prestito o se respingere la richiesta.

Non cadere nelle mani degli usurai. Contatta i volontari della Fondazione ADVENTUM.

Jazmin Sivinta

Phi Foundation

Fundraiser

Il cuore del fundraiser

Un’esperienza che unisce improbabili relazioni

Questa che vi racconterò è la mia esperienza, sicuramente semplice, ma che ha trasformato il mio concetto del Fundraiser, professionista poco conosciuto nel settore lavorativo ma con rapida crescita sul mercato non profit italiano.

La scelta di approfondire le mie conoscenza su questa professione sono nate dalla necessità di riconoscermi in un lavoro che mi aiutasse a soddisfare il lato emozionale/intellettuale.

Andavo cercando un modo di mettere in pratica quello che mi avevano insegnato da piccola e che credevo che fosse il modo di contribuire positivamente al miglioramento delle cause sociali.

Mi sono iscritta ad una iniziativa promossa dalla Fondazione Adventum, organizzazione non profit che ha come mission quella di prevenire l’usura ed educare all’uso responsabile del denaro.
Tra le iniziative della fondazione, questa in particolare cerca di dare un aiuto concreto a tanti ragazzi che sono disoccupati.

Questo programma fu creato per dare formazione sulle tecniche e strumenti dal Fundraising e una volta concluso il percorso formativo e pratico, il Fundraiser avrebbe avuto gli strumenti per candidarsi a un posto di lavoro.

La prima cosa che mi fu insegnata è che Fundraising voleva dire costruire relazioni con cui poter collaborare, insegnare che la grandezza di donare la si può fare con la gioia in cuore piuttosto che con i numeri. Può sembrare un discorso superficiale ma io credo fermamente in questo concetto.

Mancano 3 settimane per concludere questi due intensi anni di formazione è ho avuto una trasformazione interna, ho capito che le opportunità sono da afferrare e che gli ingredienti per facilitare il lavoro del fundraiser sono: flessibilità con misura giusta, ottimismo infinito, molta determinazione, una buona dose di intelligenza emotiva e che tutto va pianificato (perfino la mia lista della spesa) in tutti i suoi dettagli.

Sono tante le cose apprese ma quelle che rimangono più accentuate sono che la differenza in questo lavoro si costruisce con grande buona volontà e condivisione, bisogna riprendere le relazioni, la fiducia nelle altre persone e che al centro di tutto ci sono sempre persone che aiutano persone.

La ricerca di cambiamenti e di sviluppo nel settore non profit è una vena principale di questo cuore perché essa ci aiuta a conoscere il mondo del terzo settore che evolve di continuo e a sentire le emozioni delle persone che ne fanno parte.
Il fare rete e creare condivisone di risorse umane, economiche e formativa è alla base di questo mestiere.

E’ appena uscito il bando di apertura del nuovo percorso gratuito Professione Fundraiser 2017, i requisiti obbligatori sono:

  • Avere un’età compresa tra 21 e 38 anni
  • Essere inoccupato
  • Essere in possesso di un diploma di scuola superiore

Se anche tu vuoi fare una simile esperienza puoi approfondire di più.

Vorrei concludere citando una frase che ognuno di noi può valutare in qualsiasi ambito, “Le avversità possono essere delle formidabili occasioni” Thomas Mann.

Jazmin Sivinta

Phi Foundation