Articoli

Le novità sul SIA (Sostegno Inclusione Attiva)

SIA, un acronimo poco conosciuto in rapporto alla sua utilità, ma vediamo di scoprire precisamente di cosa si tratta.

Il SIA (Sostegno all’Inclusione Attiva) è una preziosa misura di contrasto alla povertà, consistente in un sussidio per le famiglie economicamente svantaggiate nelle quali siano presenti minorenni o figli disabili o donne in stato di gravidanza accertata.

Per ricevere il sussidio previsto dal SIA è necessario aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa predisposto dai servizi sociali del proprio Comune, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari, le scuole, i soggetti del terzo settore ed i privati attivi nell’ambito degli interventi di contrasto alla povertà, in particolare gli enti no profit.

Il progetto è rivolto ed impegna tutti i componenti del nucleo familiare prevedendo compiti individuali per adulti e bambini,  stabiliti sulla base di una valutazione globale di problematiche e bisogni, creando un patto tra servizi e famiglie.

Le attività sono di diverso genere e variano dalla ricerca attiva di lavoro, all’adesione a progetti di formazione, ai contatti con i servizi, alla frequenza e all’impegno scolastico, alla prevenzione e alla tutela della salute.

Il tutto proprio con la finalità di donare un aiuto alle famiglie in difficoltà, affinché possano superare la propria condizione di povertà e, col tempo, riconquistare l’autonomia.

Il SIA, sperimentato in prima battuta nelle città più grandi d’Italia, è stato in seguito profondamente ridisegnato con il Decreto Ministeriale del 26 Maggio 2016 (venendo esteso a tutto il territorio nazionale) ed il Governo Gentiloni, sulla scia delle riforme avviate dal precedente esecutivo e come già previsto dalla legge di bilancio 2017, rinnoverà e darà continuità al SIA, ampliandone i beneficiari, per rendere utilizzabili tutte le risorse previste per il 2017 (circa 1,5 miliardi a fronte dei 750 milioni destinati al SIA nel 2016).

Tuttavia, nelle intenzioni del Governo, il SIA resterà soltanto una misura ponte, in attesa che venga completato l’iter parlamentare ed il successivo percorso attuativo della Legge Delega per il contrasto alla povertà, che in seguito darà vita al Reddito di Inclusione.

Se sei interessato alla richiesta del sussidio, o a maggiori informazioni riguardo il SIA, recati presso gli uffici del tuo Comune di residenza o consulta la modulistica predisposta dall’ INPS.

PHI Foundation è un’associazione che si occupa di sostenere ed aiutare tutti gli operatori che si muovono nell’ambito del Terzo Settore, attraverso l’informazione e la promozione di raccolte fondi.

Se vuoi aiutarci in questo compito, sostienici attraverso un contributo cliccando su questo link.

 

Nicola Minerva

PHI Foundation

Festival della comunicazione sociale 2016

Realizzare una comunicazione sociale efficace è fondamentale per trasmettere un messaggio o per la riuscita della propria campagna di raccolta fondi. Per questo motivo Pubblicità Progresso Fondazione per la comunicazione sociale ha deciso di dedicare al tema della comunicazione sociale un festival per approfondire il tema e discuterne con alcuni dei maggiori esperti del campo. Il festival si tiene a Milano dal 2 al 30 Novembre 2016 e vuole coinvolgere esperti del settore della comunicazione, imprese, enti no profit, amministrazioni locali, studenti e docenti e chiunque fosse interessato e sensibile al tema della comunicazione sociale.  Il festival si è aperto il 2 novembre con un incontro tutto dedicato alle migliori campagne sociali di tutto il mondo e proseguirà fino al 30 Novembre con un ricco programma e con incontri dedicati a temi specifici, alcuni riservati agli studenti universitari.

I temi trattati sono di grande attualità ed alcuni riguardano argomenti molto “caldi” nell’ambito no profit, come il rapporto tra associazionismo e aziende, marketing e pubblicità in ambito sociale e le regole che li riguardano, casi di successo da analizzare e da cui prendere spunto. Questo programma molto ricco, impreziosito dalla presenza di esperti, giornalisti e altri professionisti provenienti dal mondo universitario, del no profit e dell’impresa lo rendono un appuntamento unico, per chi volesse migliorare la propria strategia di comunicazione o costruirne una.

Il festival è un’ottima occasione per confrontarsi, crescere e discutere su queste tematiche, raccogliere stimoli, idee per migliorare e rendere più efficacie la strategia della propria comunicazione sociale della propria associazione o per trovare qualche nuova idea per comunicare la propria mission, realizzare una campagna o raccogliere fondi per un progetto specifico.

Se queste tematiche vi stuzzicano e vi interessano non esitate a partecipare.

 

Sara Quaglia

PHI Foundation

8 x 1000: un’opportunità di fundraising per il no profit!

Se siete alla ricerca di qualche opportunità di fundraising per i vostri progetti, le quote dell’8×1000 destinate tramite la dichiarazione dei redditi possono rappresentare una valida opportunità, sono infatti numerosi gli enti beneficiari che destinano una parte o l’intera cifra a progetti sociali, assistenziali, di carattere umanitario o culturale e a cui le associazioni ed organizzazioni no profit possono presentare domanda di finanziamento.

Scade il 30 settembre il bando che ogni anno viene indetto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per l’assegnazione dei fondi a diretta gestione statale per progetti di interesse sociale o di carattere umanitario. Si può presentare domanda per finanziare progetti che riguardino:

  • interventi straordinari per la fame nel mondo,
  • calamità naturali,
  • assistenza ai rifugiati,
  • conservazione dei beni culturali.

Una seconda valida opportunità di raccolta fondi è rappresentata dalla Tavola Valdese, alla quale è possibile presentare domanda entro il 30 Novembre di ogni anno per richiedere il finanziamento di progetti in Italia e all’estero. Nel 2016 sono stati finanziati 365 enti no profit per progetti all’estero e ben 686 per progetti in Italia.

Un altro ente destinatario dei fondi dell’8 per mille dell’IRPEF che destina i fondi ricevuti interamente a progetti a carattere sociale è la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno. Per il 2016 la scadenza per la presentazione delle domande è stata il 31 marzo, ma da ottobre sarà possibile scaricare la nuova modulistica per ripresentare domanda a marzo 2017. La Chiesa Cristiana avventista finanzia progetti in Italia e all’estero con particolare attenzione a salute e prevenzione, interventi in zone di guerra o colpite da calamità e promozione dello sviluppo di popolazioni disagiate.

Anche la Chiesa Cattolica attraverso la CEI destina una parte dei fondi ad essa assegnati ad “interventi caritativi a favore dei Paesi del Terzo Mondo”. È possibile presentare domanda tutto l’anno, il Comitato di valutazione si riunisce almeno 6 volte per valutare le domande ricevute. Si possono presentare progetti principalmente a “carattere formativo e di sostegno allo sviluppo economico, sociale e civile delle popolazioni” come indicato nel bando.

La Chiesa Luterana destina il 33% dei fondi ricevuti per progetti sociali, appoggiandosi però per la realizzazione degli interventi a partner consolidati che garantiscono un’accurata gestione dei fondi.

A partire dal 2016 è stato possibile destinare l’8 per mille anche all’Unione Buddhista Italiana che ha dichiarato di voler utilizzare parte dei fondi ricevuti per progetti sociali, umanitari e culturali, tuttavia le cifre ancora non sono state destinate e non si sa come verranno utilizzati i fondi.

È possibile prendere visione di modulistica e guidelines dai siti dei diversi enti.

 

 

PHI Foundation

Sara Quaglia